Cotolette di pollo marinate

Eh vabbé, una volta ogni tanto il fritto ci sta. Però la solita cotoletta può sempre diventare più interessante!

Ingredienti per 4 persone:

– Petto di pollo: 4 fettine (circa 400 grammi)
– Yogurt bianco: 1 vasetto
– Curry: 1 cucchiaio
– Sale: 1 cucchiaino
– Uovo: 1
– Farina: q.b.
– Pangrattato: q.b.
– Prezzemolo fresco: q.b.
– Olio di semi di arachidi: q.b.

Preparazione:

In una terrina mescolare yogurt, curry, sale e immergervi completamente le fettine di pollo, riporre in frigo ricoperte da pellicola e lasciare riposare per circa due ore.

Cotolette di pollo marinate

Estrarre dal frigo, scolare ogni fettina, passarla prima nella farina, poi nell’uovo e quindi nel pangrattato mescolato con prezzemolo tritato e friggere nell’olio bollente un paio di minuti per lato.

Cotolette di pollo marinate 2

Asciugare con la carta assorbente e servire, calde.

Cotolette di pollo marinate 3

Annunci

10 pensieri su “Cotolette di pollo marinate

    • Guarda in realtà anche io friggo pochissimo (una volta al mese? Forse neanche) e ogni volta premetto “Guardate che io non so friggere” perché, appunto, ne ho pochissima esperienza. Credo che il segreto stia nella temperatura dell’olio (inferno, tipo), oppure nell’avere una friggitrice, che ti cambia la vita. (Ma non la comprerò mai: considerato quanto friggo, son soldi buttati).

      • Però se l’olio bolle credo faccia male, è per quello che non andrebbe mai utilizzato 2 volte – o 2000, come fanno qua in asia.

        Comunque quest’anno ho fatto per la prima volta le patate fritte e mi sono complimentato con me stesso! Prima di venire via magari mi cimenterò anche nelle frittelline di san giuseppe. 🙂

        • Ah, beh, ma il fritto credo che faccia male sempre!!! 😀 È uno dei motivi per cui lo cucino pochissimo, oltre al fatto che copre un po’ i sapori, per cui finisce per sapere sempre tutto solo di… fritto!

          Ma come? Vieni via dall’Oriente? E dove vai a salvare il mondo, ora?

          • Si beh, con “fa male” intendo “fa molto più male del solito” 🙂 L’olio di per sé è grassissimissimo quindi non è che sia un toccasana mangiarlo a biccheri (anche se i cinesi friggono tutto e non si sa come hanno una vita piatta – in tutti i sensi).

            Il rientro definitivo previsto in italia è per natale, quello probabile è a gennaio-febbraio per ritardi amministrativi, quello improbabile mi vede ricoperto di soldi su quest’isola negli anni a venire. Ma credo di preferire l’opzione probabile.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...